Style Selector

Which theme layout you want to used?


Which predefined skin colors you want to used? (You can also set your own one using Theme Setting)



Reset

OMNISUN Distributore ufficiale e esclusivo di SUN EARTH SOLAR POWER, SOLVIS, HF ENERGY e GROWATT

OMNISUN the best from the sun

Nel 2016 le rinnovabili hanno dato lavoro a 9,8 milioni di persone nel mondo

Nel 2016 le rinnovabili hanno dato lavoro a più di 9,8 milioni di persone. Sono queste le conclusioni dello studio “Renewable Energy and Jobs – Annual Review 2017” dell’agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA). Quando é uscito il primo numero del rapporto, nel 2012, la cifra era ferma a sette milioni. Fino al 2030 potrebbero diventare 24 milioni, prevede il direttore di IRENA Adnan Z. Amin, più di quanti non ne vengano persi nel settore delle fossili per via della transizione energetica. Il grosso dei posti di lavoro sono offerti in Asia, con il 62 per cento. Il maggior numero di impieghi sono stati contati in Cina, Brasile, USA, India, Giappone e Germania. L’industria fotovoltaica si è rivelata il datore di lavoro piu importante con 3,1 milioni di impieghi, il 15 per cento in più rispetto all’anno precedente. Negli Stati Uniti il settore fotovoltaico è cresciuto del 25 per cento fino a 260.000 posti di lavoro, a una velocità di 17 volte superiore rispetto al resto dei settori.

Fonte: © PHOTON




In Irlanda mercato potenziale da tre gigawatt sulle aree dismesse

irlanda_fotovoltaicoLa britannica Dulas Ltd riporta che il mercato potenziale per il fotovoltaico su aree industriali dismesse (brownfield) in Irlanda ammonta a tre gigawatt e che avrebbe diversi vantaggi rispetto allo sviluppo di progetti su terreni non dismessi (greenfield). Le cifre, pubblicate in un report ad hoc, si basano su stime di presenza di 400-600 siti ex industriali nel paese e su una potenza installata di cinque megawatt per ognuno di questi siti. Secondo quanto riportato da Dulas, «l’Irlanda rappresenta di gran lunga il mercato con migliori prospettive di sviluppo per il fotovoltaico». Beneficiando di un mercato per il solare ormai maturo e un settore tecnologico di alto profilo, «il paese offre un terreno fertile per il fiorire di impianti su aree dismesse». Inoltre il governo di Dublino di recente avrebbe ribadito il suo impegno in materia di energie rinnovabili, e starebbe vagliando i migliori mezzi per finanziare lo sviluppo delle energie verdi nel paese.

Fonte: © PHOTON




Fotovoltaico con batterie? Te lo paga il gestore, per risparmiare sulla rete

Succede in Australia, dove il gestore della rete dello Stato del South Australia sta per far partire in via sperimentale un programma che fornisce agli utenti impianto FV e storage. L’idea è quella di incentivare la generazione distribuita come alternativa a nuovi investimenti sulla rete elettrica.

La generazione distribuita e in particolare il fotovoltaico con batteria è una soluzione vantaggiosa non solo per utenti e clima, ma anche per il sistema elettrico in generale e per la rete. Per chi gestisce la rete, può addirittura essere economicamente vantaggioso fornire ai propri utenti impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo ed evitare in questo modo di dover investire in nuovi cavi e tralicci.

È questo il motivo che per cui SA Power Networks (SAPN), il gestore di rete del South Australia, da giugno fornirà ai propri clienti kit di fotovoltaico + storage a prezzi stracciati o con un affitto agevolato. Lo ha anticipato la testata australiana RenewEconomy.

Il programma in realtà partirà con una sperimentazione relativamente piccola, circa 100 kit installati a Salisbury, un piccolo sobborgo a nord di Adelaide: la scommessa dell’operatore di rete è che – a fronte di un incremento previsto della domanda elettrica per i prossimi 5 anni – la diffusione del FV con batteria nella cittadina eviterà di dover investire per adeguare la rete locale.

(altro…)




Germania: installati 50,4 MW di nuovi impianti fotovoltaici a febbraio

germania_installa_50MWLa Germania ha registrato nuovi impianti fotovoltaici per 50,4 megawatt a febbraio secondo le ultime statistiche pubblicate dall’operatore di rete tedesco Bundesnetzagentur. Nel mese precedente il nuovo installato era stato di 83,2 megawatt, mentre nel febbraio del 2015 erano stati registrati nuovi impianti per 98,0 megawatt.
Nei primi mesi del 2016 il nuovo installato è stato 133,6 megawatt, con un netto calo rispetto ai 221,5 megawatt dello stesso periodo del 2015.
Se tale tasso di crescita dovesse essere confermato nel corso dei prossimi mesi, la Germania potrebbe arrivare a installare solo 800 megawatt quest’anno. Tale risultato sarebbe inferiore del 44 per cento rispetto al 2015, durante il quale sono stati installati 1.45 gigawatt e sarebbe inferiore rispetto all’obiettivo fissato dal governo Tedesco che è compreso tra 2,4 e 2,6 gigawatt.
La potenza fotovoltaica cumulata installata a fine gennaio in Germania ha raggiunto circa 39,83 gigawatt.
Fonte: © PHOTON